Il 75% degli italiani compra l’auto partendo dal web

Il 75% degli italiani compra l’auto partendo dal web

News

I consumatori si rivolgono sempre più spesso al web quando devono comprare un’auto. Il 75% indica internet come importante nella scelta dell’automobile.

Da un lato un comparto, quello delle auto, che ha visto archiviare il 2017 con il segno positivo (+7,9% di auto nuove e +4,7% di auto usate) e che si stima valga l’11% del Pil del Paese; dall’altro un utente sempre più digitale, che passa oltre tre ore al giorno su internet, e che pone quindi il web al centro del suo processo decisionale.

Sono questi alcuni dati emersi dalla ricerca di AutoScout24, il portale di annunci auto e moto leader in Europa, condotta da Nielsen, per indagare l’evoluzione del ruolo di internet e del consumatore digitale nella ricerca e nell’acquisto dell’auto. La ricerca, presentata oggi a Milano durante l’evento di digital automotive Internet Motors, si è concentrata su un campione di 1.000 utenti (tra i 18 e 55 anni), che negli ultimi due anni hanno acquistato un’automobile o sono intenzionati a farlo nei prossimi due.

Il 64% degli intervistati che ha intenzione di acquistare un’auto nei prossimi due anni sia orientato sul nuovo e l’11% sull’usato, ma un quarto è ancora indeciso. In tutto questo, per il 75% Internet è un canale sempre più decisivo nell’indirizzare la scelta.

Chi cerca un’auto, da quale fonte inizia?

Quasi un terzo degli utenti (29%) inizia dai siti di annunci auto, mentre il 26% va dal concessionario e, in misura minore, si affida al passaparola (13%).

Non solo, quando si ricerca un’auto usata i portali specializzati di annunci auto sono in assoluto quelli più utilizzati per frequenza, con il 54% che afferma di impiegarli spesso o sempre. Ed è sempre l’on-line a prevalere, seppur leggermente, anche nella ricerca di quasi tutti gli aspetti legati all’auto, come la comparazione tra i modelli, le opinioni di altri acquirenti e le informazioni sui prezzi.

L’anomalia italiana: continua il boom del diesel

L’anomalia italiana: continua il boom del diesel

News

Anche a febbraio registrato oltre il 56% del totale delle immatricolazioni.
Seguono a distanza i veicoli a benzina con il 31,9% 

 

Nel complesso, sono 183.147 il numero delle auto immatricolare a febbraio.

I dati mensili relativi al mercato automotive in Italia sono stati elaborati da Energy&Strategy (E&S) Group del Politecnico di Milano, il quale riporta che il parco auto complessivamente circolante nel nostro Paese è pari a quasi 40 milioni di veicoli, di cui il 43% circa a diesel e il 49% a benzina. 

Le auto immatricolate nel 2017 sono state nel 56% dei casi alimentate a diesel, il che significa che il parco diesel sta crescendo a tassi superiori rispetto al passato (dove appunto invece prevalevano le immatricolazioni di auto a benzina) ed i primi due mesi del 2018 segnano comunque il primato di questa tipologia di motorizzazione (il 55% delle immatricolazioni di gennaio ed il 56% di quelle di febbraio).
Se si guardano i dati quindi, quello che emerge paradossalmente è che in Italia cresce il “peso” dei veicoli diesel nel nostro parco auto anziché ridurlo, ed in questo siamo in chiara contro-tendenza rispetto all’Europa dove invece le immatricolazioni diesel sono in calo. Anzi, per la prima volta dal 2009 le immatricolazioni 2017 di auto a benzina hanno superato in Europa quelle diesel.

In Germania le auto diesel hanno “pesato” nel 2017 per circa il 39% delle immatricolazioni (17 punti percentuali in meno dell’Italia) e con un calo di oltre il 13% nel numero di immatricolazioni rispetto al 2016, nonostante le immatricolazioni totali nel 2017 siano invece cresciute di quasi il 3% rispetto all’anno precedente.

Secondo E&S Group, seguire l’esempio tedesco sul tema delle città “senza veicoli diesel” è quindi più complesso di quanto si creda. Innanzitutto, perché è necessario invertire una tendenza di mercato che nel nostro Paese sembra invece essere “consolidata”.

Per ottenere risultati concreti, conclude l’analisi di E&S Group, bisognerebbe quindi agire contemporaneamente sul fronte dell’incremento della velocità di rinnovo del parco auto (attraverso strumenti del tipo degli incentivi alla rottamazione) e sulla disincentivazione all’acquisto delle motorizzazioni diesel (con l’introduzione di una tassazione differenziale sulle immatricolazioni ambientalmente meno friendly).