L’anomalia italiana: continua il boom del diesel

L’anomalia italiana: continua il boom del diesel

News

Anche a febbraio registrato oltre il 56% del totale delle immatricolazioni.
Seguono a distanza i veicoli a benzina con il 31,9% 

 

Nel complesso, sono 183.147 il numero delle auto immatricolare a febbraio.

I dati mensili relativi al mercato automotive in Italia sono stati elaborati da Energy&Strategy (E&S) Group del Politecnico di Milano, il quale riporta che il parco auto complessivamente circolante nel nostro Paese è pari a quasi 40 milioni di veicoli, di cui il 43% circa a diesel e il 49% a benzina. 

Le auto immatricolate nel 2017 sono state nel 56% dei casi alimentate a diesel, il che significa che il parco diesel sta crescendo a tassi superiori rispetto al passato (dove appunto invece prevalevano le immatricolazioni di auto a benzina) ed i primi due mesi del 2018 segnano comunque il primato di questa tipologia di motorizzazione (il 55% delle immatricolazioni di gennaio ed il 56% di quelle di febbraio).
Se si guardano i dati quindi, quello che emerge paradossalmente è che in Italia cresce il “peso” dei veicoli diesel nel nostro parco auto anziché ridurlo, ed in questo siamo in chiara contro-tendenza rispetto all’Europa dove invece le immatricolazioni diesel sono in calo. Anzi, per la prima volta dal 2009 le immatricolazioni 2017 di auto a benzina hanno superato in Europa quelle diesel.

In Germania le auto diesel hanno “pesato” nel 2017 per circa il 39% delle immatricolazioni (17 punti percentuali in meno dell’Italia) e con un calo di oltre il 13% nel numero di immatricolazioni rispetto al 2016, nonostante le immatricolazioni totali nel 2017 siano invece cresciute di quasi il 3% rispetto all’anno precedente.

Secondo E&S Group, seguire l’esempio tedesco sul tema delle città “senza veicoli diesel” è quindi più complesso di quanto si creda. Innanzitutto, perché è necessario invertire una tendenza di mercato che nel nostro Paese sembra invece essere “consolidata”.

Per ottenere risultati concreti, conclude l’analisi di E&S Group, bisognerebbe quindi agire contemporaneamente sul fronte dell’incremento della velocità di rinnovo del parco auto (attraverso strumenti del tipo degli incentivi alla rottamazione) e sulla disincentivazione all’acquisto delle motorizzazioni diesel (con l’introduzione di una tassazione differenziale sulle immatricolazioni ambientalmente meno friendly).

Ferrari, un futuro di Suv e auto elettriche

Ferrari, un futuro di Suv e auto elettriche

News

Sabato 20 gennaio apre a Detroit il North America International Auto Show(Naias), il salone auto considerato il più importante al mondo. Perché rappresenta lʼindustria nordamericana e perché tra i “top event” di settore è il primo dellʼanno. Forse per questo i fuochi dʼartificio non mancano, tanto che a Detroit ieri, Sergio Marchionne, numero uno di FCA, ha parlato di Ferrari come produttore di Suv e di supercar elettriche.

Nel 2020 potrebbe uscire il primo Suv del Cavallino, sfidante obbligato di Lamborghini Urus e altri super Suv attesi dai costruttori sportivi. Le carrozzerie tradizionali tirano di meno, Marchionne ha ribadito che i due terzi di autoveicoli venduti in Usa è composto da Suv e pick-up, le berline fanno fatica e anche BMW fatica a vendere le sue”. Da qui lʼidea del Suv Ferrari da 800 CV, ma anche di unʼAlfa Romeo Stelvio più grande e magari un Maserati Levante più piccolo.

Nei segmenti forti in Nord America il gruppo FCA si gioca inoltre le carte vincenti del marchio Jeep. Ha appena presentato il nuovo Cherokee e lʼA.D. italo-canadese non ha escluso che un secondo modello Jeep possa essere prodotto in Italia.

Sullʼelettrico non si scherza.

Il mondo dellʼauto sta virando dritta su questa e lo stesso numero uno di FCA conferma che entro il 2025 la metà della produzione auto mondiale sarà elettrica. Ecco allora che Ferrari torna in gioco: “Se qualcuno fa la supercar elettrica, Ferrari sarà la prima a farlo: è un atto dovuto”.